Radiozero cerca nuovi dj: clicca qui per inviare la tua candidatura
OkNotizie

Roma, le ”occupazioni” dei rifugiati: ecco la mappa

rom milano

Il censimento “I rifugiati invisibili” offre un’istantanea sulla situazione romana dell’accoglienza di richiedenti asilo, rifugiati politici e titolari di protezione internazionale. “Sulle oltre 6.000 presenze di titolari di protezione internazionale, nella Capitale solo 2.000 trovano un posto d’accoglienza”

RIFUGIATI. A Roma i rifugiati politici con regolare permesso di soggiorno sono 1.700. Abitano in luoghi fatiscenti, grandi occupazioni con centinaia di uomini e donne in condizioni abitative precarie che sopravvivono come possono.
“Questo solo se si contano le più note: grandi edifici, quando va bene, o immense baraccopoli di cartone e lamiere dove spesso crescono anche dei bambini. Sulle oltre 6.000 presenze di titolari di protezione internazionale, nella Capitale solo 2.000 trovano un posto d’accoglienza, mentre altrettanti vivono un’attesa interminabile nella lista d’attesa dell’Ufficio Immigrazione del Comune”.

Sono questi i dati che emergono dal censimento ‘I rifugiati invisibili’, realizzato dalla fondazione Integra/Azione, un realtà costituita da Legambiente e cooperativa Abitus. Si tratta di un’istantanea sulla situazione romana dell’accoglienza di richiedenti asilo, rifugiati politici e titolari di protezione internazionale. “Un quadro- si legge nel comunicato- che conferma come la spinta ai margini della società e all’invisibilità senza possibilità d’uscita, sia in costante crescita”. Le mega occupazioni di Romanina, Collatina e Ponte Mammolo rappresentano, secondo il censimento, sono solo “la punta dell’iceberg di una realtà molto più vasta e frammentata. Situazioni degradanti e marginali, cui si aggiungono centinaia di centri di accoglienza informale che popolano gli angoli più remoti della Capitale. Lontano dagli occhi e dall’attenzione dell’opinione pubblica, si nascondono migliaia di rifugiati che sopravvivono in baracche, in scatole di cartone, sotto coperte e fogli di giornale”.

Questa, spiega Luca Odevaine, presidente di Fondazione Integra/Azione “è un’emarginazione sociale particolarmente grave per uomini, donne e bambini a cui l’Italia dovrebbe garantire una protezione internazionale e un’accoglienza dignitosa”. Secondo Odevaine “stabilire con certezza quali siano i numeri dei rifugiati invisibili a Roma è estremamente complesso, anche per i luoghi sempre più marginali dove si cela. Un problema tanto vasto e delicato non può e non deve essere improntato soltanto all’ordine pubblico. Aumentare i posti disponibili in accoglienza non può rappresentare una soluzione univoca ed efficace, sia per i costi difficilmente sostenibili che per il rischio di spostare semplicemente il problema nel tempo, senza risolverlo”.

“Una gran parte dei rifugiati informali- prosegue Odevaine- proviene, infatti, da anni di accoglienza istituzionale, vivendo tra l’uscita da un centro e l’entrata in un altro. Una vita ai margini della citta’, senza avere quegli strumenti per raggiungere una duratura autonomia abitativa e lavorativa”. Il Comune di Roma, oggi, come rende noto lo studio, “riesce a garantire complessivamente 2.200 posti d’accoglienza. La fetta più grossa rappresentata dai 19 centri di accoglienza gestiti dal privato sociale in convenzione diretta con il Comune, per un totale di circa 1.250 posti letto. A questi si aggiungono altri 250 posti letto in due strutture sorte per fronteggiare l’emergenza abitativa, ma prestate all’accoglienza dei rar. Il Centro polifunzionale Enea di seconda accoglienza completa il quadro con i suoi 700 posti circa, suscettibili di diventare 800 nei prossimi mesi”.

Inoltre con i decreti del presidente del Consiglio dei ministri del 12 febbraio e del 7 aprile 2011, nota come emergenza Nord Africa, “sono nati nuovi centri d’accoglienza per ospitare oltre 1.000 nuovi richiedenti asilo. Nel frattempo, il servizio di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar), garantisce l’assorbimento dei rifugiati con sempre maggiore difficoltà a causa del mancato finanziamento da parte del governo”. “E’ evidente che solo interventi concreti che garantiscano un serio percorso d’integrazione lavorativa, sociale e abitativa possono rappresentare la via per spezzare l’accoglienza informale di queste migliaia di persone” dice il senatore Francesco Ferrante, vicepresidente di Fondazione Integra/Azione, che continua: “Una situazione drammatica che rischia di esplodere se chiuderanno i centri d’accoglienza aperti con la dichiarazione dello stato d’emergenza umanitaria e in scadenza il 31 dicembre 2012. Un esercito di altri 2170 rifugiati solo nel Lazio, che si troverebbe in mezzo a una strada”. In merito a questa situazione Ferrante ha presentato un’interrogazione parlamentare ai ministri degli Interni, Anna Maria Cancellieri, e della Cooperazione internazionale e Integrazione, Andrea Riccardi. Le più grandi occupazioni nella città di Roma sono Romanina, Collatina, Ponte Mammolo ed Ostiense.

ROMANINA: sita in via Arrigo Cavaglieri è un’occupazione abitativa chiamata anche “Salam” (Salute, pace, salvezza), realizzata nella vecchia sede dell’università di Tor Vergata e che oggi conta tra i 500 e i 600 occupanti. Nella struttura, oltre a donne e uomini singoli, sono presenti circa 20 nuclei familiari con minori, tra cui anche neonati. All’interno della struttura ci sono servizi fatiscenti. I servizi igienici scarseggiano. Sono attive le utenze di luce e acqua, ma manca l’impianto di riscaldamento sia per gli ambienti che per le acque sanitarie.

COLLATINA: l’occupazione chiamata “Natnet” (Libertà), è sorta in uno stabile di proprietà del ministero del Tesoro, inutilizzata e abbandonata per un concreto rischio di crollo. La struttura è infatti costruita su una falda acquifera. Al suo interno si contano circa 700 registrati, tra eritrei ed etiopi (di cui 10 nuclei familiari con minori). Sono attive le utenze di luce e acqua, ma manca il riscaldamento per gli ambienti e le acque sanitarie. La struttura e i servizi igienici sono a dir poco fatiscenti. Numerosi occupanti vivono un forte disagio psichico e presentano sintomi da stress da disturbi post-traumatici.

PONTE MAMMOLO: è la meno conosciuta fra le situazioni informali. Sorge lungo viale Palmiro Togliatti, al di sotto del livello della strada, una baraccopoli in cui vivono in precarie condizioni oltre 150 persone. Non ci sono donne sole, ma qualche famiglia di origine romena con figli. Gli abitanti vivono principalmente in tende, qualcosa in cartongesso ha iniziato a sorgere nel 2006. Alle tende pian piano si sono affiancate piccole abitazioni di muratura, costruite nel corso degli anni dalla stessa comunità e, in numero inferiore (circa il 30%) baracche di lamiera. Nell’insediamento mancano l’acqua e il riscaldamento: c’è solo una fontanella per l’approvvigionamento idrico. Non é presente nessun servizio igienico, a parte un bagno in muratura in pessime condizioni, non allacciato alla rete fognaria. L’unica doccia presente non funziona, perché non c’è acqua corrente.

OSTIENSE: ‘Ground zero’, ‘Kabul romana’, ‘buca’. Sono tanti i nomi che definiscono la tendopoli afgana che dal 2005 gravita intorno alla stazione Ostiense e che oggi si sta lentamente ripopolando dopo che, un mese fa, è stata sgomberata per mandare avanti i lavori del grande progetto a firma Montezemolo. È stata creata una tensostruttura, nella zona di Tor Marancia, per ospitare i circa 150 abitanti. La soluzione del tendone-dormitorio, però, non ha cambiato le condizioni che generano il disagio e la precarietà esistenziale. Si è agito sul sintomo, le cause sono ancora lì, i giovani afgani sono ancora abbandonati a loro stessi: la Kabul romana rinasce e si ingrossa lungo i binari della stazione e nelle zone limitrofe”.

Dire

Via Corriere Immigrazione

Episodi correlati:

  1. Acqua, Roma e il “bluff” Acea
  2. Roma, ex dipendenti Intermetro ancora in attesa di ricollocazione
  3. Rom a Milano, ecco il primo libro sul campo di via Idro
  4. Facebook: ecco i segreti che può rivelare alle autorità
  5. Roma: alle Officine fotografiche “Time for rebels”

Tags: , , , ,

Readers Comments (7)

  1. Hey would you mind stating which blog platform you’re working with? I’m going to start my own blog soon but I’m having a difficult time deciding between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal. The reason I ask is because your layout seems different then most blogs and I’m looking for something unique. P.S Sorry for getting off-topic but I had to ask!

  2. Fantastic goods from you, man. Ive study your stuff ahead of and youre just as well amazing. You make it entertaining and you even now manage to help keep it wise.

  3. I really like what you guys are up too. This kind of clever work and coverage! Keep up the awesome works guys I’ve added you guys to blogroll.
    moncler tibet men vests red
    [url=http://primaryeyecenter.com/moncler-tibet-men-vests-red-b-15952.html]moncler tibet men vests red[/url]

  4. Greetings from Ohio! I’m bored at work so I decided to check out your site on my iphone during lunch break. I love the info you present here and can’t wait to take a look when I get home. I’m surprised at how fast your blog loaded on my mobile .. I’m not even using WIFI, just 3G .. Anyhow, excellent site!

  5. free run lunar scrive:

    Hi! Quick question that’s entirely off topic. Do you know how to make your site mobile friendly? My site looks weird when browsing from my iphone. I’m trying to find a theme or plugin that might be able to resolve this issue. If you have any recommendations, please share. Thanks!

  6. Hello! Would you mind if I share your blog with my twitter group? There’s a lot of folks that I think would really appreciate your content. Please let me know. Thanks

  7. This design is steller! You obviously know how to keep a reader amused. Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well, almost…HaHa!) Excellent job. I really enjoyed what you had to say, and more than that, how you presented it. Too cool!




Android QuickTime WinAmp RealPlayer iTunes Windows Media Player

Twitter

  • RADIOZERORT @angelagennaro: VaticanLeaks, l’app che non trovate sull’AppStore – Il Fatto Quotidiano [link] - posted on 31/05/2012 16:57:19
  • RADIOZEROCie Milano, processo per i disordini - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 25/05/2012 09:31:16
  • RADIOZERODiritti umani, Amnesty: 2011 tra rivolte globali e libertà violate - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 24/05/2012 15:15:26
  • RADIOZEROSudan, profughi feriti e uccisi nel campo di Sahagarab? - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 24/05/2012 14:42:31
  • RADIOZEROPena di morte, Sudan: lapidazione per adulterio - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 22/05/2012 11:39:58
  • RADIOZEROCie, un film sull'amore - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 18/05/2012 16:06:16
  • RADIOZEROPena di morte, Texas: giustiziato per scambio di persona - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 17/05/2012 13:19:23
  • RADIOZERORassegna stampa, le prime pagine di oggi - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 17/05/2012 11:04:05
  • RADIOZERORoma, le ”occupazioni” dei rifugiati: ecco la mappa - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 15/05/2012 23:45:44
  • RADIOZERONicaragua, i ragazzi comunicano con il mondo con TDHLife - Radiozero | Radiozero [link] @tdhitaly - posted on 15/05/2012 18:07:09
  • RADIOZEROCamerun, 40° anniversario dell’Unità - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 15/05/2012 18:05:55
  • RADIOZEROHorst Faas, chi era costui - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 14/05/2012 16:33:00
  • RADIOZERODivorzio, 38 anni fa il referendum - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 14/05/2012 16:15:04
  • RADIOZERORassegna stampa, le prime pagine di oggi - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 14/05/2012 08:48:34
  • RADIOZEROPena di morte, in Tunisia prime condanne post-rivoluzione - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 14/05/2012 08:25:00
  • RADIOZEROStefano Cucchi, maxiperizia su causa della morte - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 09/05/2012 14:40:13
  • RADIOZEROPeppino Impastato, marcia dei 100 passi - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 09/05/2012 12:49:56
  • RADIOZEROPaolo Borsellino: “Un amico mi ha tradito” - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 07/05/2012 12:06:24
  • RADIOZEROLibertà di stampa, oggi la Giornata Mondiale - Radiozero | Radiozero [link] - posted on 03/05/2012 08:02:03
  • Gaetano Piazza@radioz3ro @liviacolare serve togliere le censure sul web ed evitarne di nuove. Un conto la libertà dei giornali un conto quella della gente - posted on 02/05/2012 21:29:23

Gli utenti con più commenti